domenica 13 novembre 2011

con cosa fa rima Dexter.





One Day
2011, UK, 107 minuti, colore
regia: Lone Scherfing
soggetto e sceneggiatura: David Nicholls
cast: Anne Hathaway, Jim Sturgess, Patricia Clarkson
voto: 6.9/ 10
___________________________________________

«Sai che giorno è domani?, è il quindici luglio» dice Dexter (che per tutto il film verrà chiamato "Dex") in una delle prime scene, e da là la solfa comincia: far vedere tutti i quindici luglio degli ultimi vent'anni delle loro due vite, di "Dex" appunto, figlio di papà con abiti firmati e bell'aspetto che se ne scopa una alla sera, ed Emma, dagli occhiali senza montatura e anfibi neri ai piedi, di cui Dexter scopre solo ora che il liceo è finito, che ce l'aveva nella stessa scuola. Ubriachi, provano a far sesso, ma passa l'attimo e dormono soltanto e puff, è il quindici di luglio dell'89 e loro sono amici e stanno trasportando un letto perché lei trasloca. 1990, '91, gli anni passano e l'amicizia si rafforza ma noi sappiamo dove vuole arrivare il film perché:
- non siamo mica nati ieri;
- abbiamo già visto Dieci Inverni;
- nella locandina si baciano.
Lui continua a scoparsene una a sera, lei continua ad avere gli occhiali, essere puritana, nerd, sfigatella, lavoratrice per campare, scrittrice di poesie che legge solo lei, lui va a lavorare in televisione per un programma non meglio definito come inutile, mette incinta una, se la sposa, ma lei si fa chiavare anche da un altro, non si sentono per degli anni e poi si rivedono. La sorpresa è che loro due non si mettono insieme alla fine, ma un bel po' prima. E là si capisce allora quale sarà la sorpresa della fine perché:
- non siamo mica nati ieri;
- abbiamo già visto Autumn In New York.
Dopo il successo mondiale dell'inglesissimo An Education, la regista Lone Scherfing fa affidamento di nuovo su uno scrittore perché adatti un romanzo. Lo scrittore non è Nick Hornby e per quanto molte battute siano simpatiche («voglio avere un figlio dall'uomo che amo. Ma siccome lui adesso non può lo faccio con te»; «e con cosa fa rima il mio nome?», «con "stronzo", rima non baciata»), comunque il film è banale. Tutto pancia e niente testa. E Lone Scherfing pare che voglia consumare la voglia di Inghilterra antica e Francia, e vestiti floreali e case ben arredate, e media borghesia che incontra la povera gente, e calici di vino in mano a gente che gira per stanze, e passeggiate in bicicletta di cui ha riempito (bene) An Education, per quanto anche quello non brillasse di originalità ma fosse fatto anche con la testa; il problema è che in An Education c'era Carey Mulligan che rende di oro tutti i film che gira. In One Day ci sono sì la brava Anne Hathaway e quello-di-Across The Universe Jim Sturgess e Patricia Clarkson confinata ormai a fare la madre matta di rampolli furbi, ma non bastano.

Nessun commento:

Posta un commento