venerdì 18 novembre 2011

the iron lady.





È stato rivelato ieri, dall'attrice protagonista Meryl Streep e dalla regista Phyllida Lloyd, a Londra, il secondo manifesto promozionale di The Iron Lady, infinitamente più brutto del primo - film con cui la Streep verrà di nuovo candidata all'Oscar (sarebbe la diciassettesima volta) confidando finalmente di vincere (sarebbe la terza volta).
La regista è nota ai più informati solo per aver diretto lo sbanca-botteghino Mamma Mia! oltre che un Macbeth che nel frattempo non si capisce se sia effettivamente uscito o no e una delle tante biografie su Elisabetta I dal titolo Gloriana che passò per la televisione; è quindi la seconda collaborazione tra regista e attrice, che di nuovo si spostano in territorio inglese per raccontare una storia tutta inglese, quella della "dama di ferro" Margaret Tatcher, prima e unica donna britannica ad aver ricoperto il ruolo di primo ministro, attiva dal 1975 al '90 nel suo partito conservatore, tutt'ora viva ma affetta dalla demenza senile di cui nel film si parla e che ha scatenato le critiche e le ire della stampa inglese che ha attaccato il film criticandolo «un'operazione di sinistra».
La pellicola uscirà effettivamente nelle sale inglesi il 6 gennaio e in quelle americane il 13; da noi, ancora non si sa, ma sicuramente nella primavera che invade i cinema di post-Oscar.

Nessun commento:

Posta un commento