giovedì 24 novembre 2011

Oscar 2012 - i documentari.





Erano 124 i lungometraggi documentari provenienti da (quasi) tutto il mondo, papabili alla nomination della categoria; l'Academy of Motion Pictures ha recentemente visionato e scremato il malloppo, riducendolo a quindici titoli tra cui verranno scelti i cinque che saranno annunciati il 24 gennaio prossimo.
Tra questi nomi si notano due cose: hanno tutti produzione anglo-americana tranne uno che include una collaborazione afghana, un'altra afro-tedesca e Pina di Wim Wenders (ce l'aspettavamo) che è franco-tedesca; in più quest'ultimo è l'unico film che potrebbe essere candidato allo stesso tempo per il miglior documentario e per il miglior film straniero (e, a mio avviso, alla fotografia).

I quindici primi candidati sono:
Battle For Brooklyn - M. Galinsky & S. Hawley, USA;
Bill Cunningham New York - Richard Press, USA;
Buck - Cindy Meehl, USA;
Hell And Back Again - Danfung Dennis, USA, UK e Afghanistan;
If A Tree Falls: A Story Of The Earth Liberation Front - M. Curry & S. Cullman, USA e UK;
Jane's Journey - Lorenz Knauer, Germania e Tanzania;
The Loving Story - Nancy Buirski, USA;
Paradise Lost 3: Purgatory - J. Berlinger & B. Sinofsky, USA;
Pina - Wim Wenders, Germania, Francia e UK;
Projected Nim - James Marsh, USA e UK;
Semper Fi: Always Faithful - T. Hardmon e R. Libert, USA;
Sing Your Song - Susanne Rostock, USA;
Undefeated - D. Lindsay & T.J. Martin, USA;
Under Fire: Journalists In Combat - Martin Burke, Canada;
We Were Here - D. Weissman & B. Weber, USA.

Nessun commento:

Posta un commento