mercoledì 14 dicembre 2011

#incipitEpici / 2.





Continua la rassegna di incipit epici nel mondo del cinema nata su Twitter e questa volta sponsorizza una prima scena che forse non dovrebbe essere considerata incipit, perché rappresenta i titoli di testa; ma che titoli di testa. Anche in questo caso mi sono trovato di fronte a una scelta tra due prime sequenze dello stesso regista, Gaspar Noe, e tra questa e quella di Irreversible (che pure inizia coi titoli, ma di coda) ha vinto questa, un po' perché non ci si può inchinare di fronte a tale maestria tecnica e un po' perché posso cogliere al volo l'opportunità di promuovere la pellicola che venerdì scorso è uscita nelle sale italiane ma che non è stata così apprezzata: Enter The Void. La storia di Oscar e Linda, fratello e sorella, che si trasferiscono a Tokyo il primo per vendere droga e la seconda per spogliarsi in locali notturni, è parsa la brutta copia del prima citato Irreversible. Perché in effetti la trama è tutta qua, la polizia aspetta Oscar davanti a un locale, lui muore e poi i ricordi ci rivelano il passato, e ce lo rivelano di nuovo con musica altissima, con vortici di riprese, come fu per il precedente film, ma a differenza di quello questo è tutto allucinato, allucinogeno, le luci delle insegne di Tokyo sono psichedeliche, debilitanti, e proprio a loro si ispira la locandina (originale, non quella italiana) e l'incipit epico che vi faccio vedere.

2 commenti:

  1. Non ho mai visto il film, ma mi sono innamorato dei titoli di testa dalla prima volta che li ho visti!

    RispondiElimina
  2. Enter the void lo si può noleggiare su http://www.ownair.it/ in versione originale, stupendo.

    RispondiElimina