venerdì 27 aprile 2012

movie news.





Mentre Sarah Michelle Gellar annuncia di essere incinta del secondo figlio e (la vincitrice del Golden Globe) Sally Hawkins compie 36 anni e l'Anouk Aimée di Fellini e del più importante cinema francese 80, ecco che compaiono le prime foto dal nuovo film di Quentin Tarantino. Django Unchained - è questo il titolo - è già stato programmato per uscire in America il giorno di Natale, e ha al momento una locandina promozionale priva di titolo che dice soltanto “il nuovo film di Quentin Tarantino”. Segna, questo nuovo film, una seconda collaborazione col tedesco Christoph Waltz dopo che per il meraviglioso Bastardi Senza Gloria ha vinto l'Oscar (attore non protagonista) e segna la prima volta di Leonardo DiCaprio (che l'Oscar lo saluta con la mano da lontano). In tutto questo, Django è interpretato da Jamie Foxx (i tre attori sono nelle foto d'apertura), che cerca di liberare la moglie dal proprietario di una piantagione del Mississippi. Il film (un puro western che somiglia un po' al Grinta dei Cohen) uscirà nelle nostre sale il 4 gennaio 2013, in tempo per potersi candidare agli 85esimi Academy Awards. A meno che non venga rimandato più in là.
Come è successo per Molto Forte, Incredibilmente Vicino, pianificato per inizio aprile in Italia e slittato addirittura al 23 maggio, mentre l'America l'ha visto già tra dicembre e gennaio e ne ha parlato poco bene (io ne ho parlato qua). Mentre non è servito a niente parlare (bene) di Martha Marcy May Marlene (qui), che è stato posticipato e posticipato e arriverà nei nostri cinema o il 25 maggio o l'8 giugno (insieme ad un altro rimandato, We Bought A Zoo, aka La Mia Vita È Uno Zoo), col titolo ben meno poetico La Fuga Di Martha.
Tutte queste posticipazioni fanno sì che nelle sale arrivino film a caso e in giorni a caso. Questa settimana sono usciti The Rum Diary martedì, gli Avangers mercoledì con Ho Cercato Il Tuo Nome tratto dall'ennesimo libro di Sparks con un muscoloso Zac Efron e Il Castello Nel Cielo dello studio di Miyazaki che essendo un film del 1986 è andato malissimo al botteghino, giovedì Interno Giorno del nipote d'arte di Bergman e Rossellini e ieri i meravigliosi Hunger e Maternity Blues. Tra tutti, The Avangers è l'unico che ha fatto il botto: nel primo giorno di proiezione (per lo più 3D) ha incassato una cifra record che potrebbe dare fastidio al primo in classifica Woody Allen e al suo terrificante To Rome With Love che essendo tutto italiano agli italiani piace - e forse piace più della pellicola hit del regista, Midnight In Paris.
Sotto Woody restano il kolossal (?) Battleship e il kolossal (!) Titanic, mentre dall'altra parte del mare e dell'oceano è successo l'assurdo: gli Hunger Games (fra tre giorni l'anteprima nazionale da noi e l'1 maggio in tutti i cinema) sono scesi in terza posizione dopo un mese di incasso storico perché battuti da The Lucky One (Ho Cercato Il Tuo Nome, #2) e - udite udite - Think Like A Man (#1), commediola del regista de I Fantastici 4 con Chris Brown a cui la critica ha dato come voto, appunto, 4.
Con i 14 milioni appena incassati, il film di Gary Ross (che non dirigerà la seconda parte della trilogia) accumula comunque 357.066.467 di dollari solo in America continuando la sua ascesa al record mondiale.

Nessun commento:

Posta un commento